Progetto ‘VERI Vetro: Educazione, Ricerca, Innovazione – Rifless(ion)i’

L’iniziativa, denominata ‘VERI Vetro: Educazione, Ricerca, Innovazione – Rifless(ion)i’, ha per obiettivo la promozione della cultura del vetro presso il vasto pubblico, attraverso l’organizzazione di alcuni appuntamenti culturali da tenersi tra ottobre 2019 e marzo 2020 in diverse località friulane. La manifestazione ha ottenuto  il finanziamento della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia per manifestazioni di Divulgazione della Cultura Umanistica (assegnazione con decreto n. 1912/CULT dd. 24/07/2019).

Il programma, coordinato da Luciana Mandruzzato per il Comitato Nazionale Italiano AIHV, vede il coinvolgimento di numerosi partner scientifici di rilievo – Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia, Fondazione Aquileia, Università di Trieste-Dipartimento di Studi Umanistici, Comune di Trieste-Assessorato alla Cultura, Servizio Musei e Biblioteche, Associazione Nazionale per Aquileia, oltre ai diversi comuni coinvolti nelle iniziative.

La multidisciplinarietà è l’elemento base dei diversi appuntamenti della manifestazione VERI Vetro: Educazione, Ricerca, Innovazione – Rifless(ion)i’ che, giocando con le parole e i significati, intende valorizzare aspetti diversi di questa materia straordinaria e mutevole, cogliendo connessioni con i singoli contesti.

Il primo appuntamento è  la mostra ‘Riflessi di Natura. Amedeo Giacomini e Toni Zuccheri’ ospitata, in collaborazione con il Comune di Codroipo e con il patrocinio del Comune di San Vito al Tagliamento, presso il Museo Archeologico di Codroipo dal 18 ottobre al 30 novembre 2019.
La mostra – aperta martedì, mercoledì e domenica dalle ore 9.30 alle 12.30 e, solo fino al 31 ottobre, anche sabato e domenica dalle ore 15.00 alle18.00 – consta dei testi poetici di Amedeo Giacomini, poeta, letterato e docente universitario (Varmo, 1939 – San Daniele del Friuli, 2006) e delle sculture in vetro combinato con metallo, legno e altri materiali di Toni Zuccheri, architetto, artista e designer del vetro (San Vito al Tagliamento, 1936 – 2008): amici tra loro, hanno interpretato in modo personale e con linguaggio poetico, l’ambiente naturale friulano dove hanno vissuto e operato.  I testi e le opere sono stati scelti dai figli Taddeo Zuccheri e Alexej Giacomini e sono accompagnati da  una breve introduzione di Luigi Bressan che sottolinea come l’amicizia riceva “una forza speciale nell’arte: un comune sentire, una identica tensione intellettuale, una scambievole affinità di momenti, di esperienze, nell’operare anche in campi diversi, contrassegnano sodalizi e collaborazioni d’arte rara”.

Vedi la locandina                Scarica il comunicato stampa 

Tra gli appuntamenti di rilievo, vi è poi l’allestimento e la messa in funzione di un forno per vetro, costruito secondo la tecnica edilizia romana in un’area di Aquileia, centrale e accessibile al pubblico, messa a disposizione dalla Fondazione Aquileia. Si tratta di un’assoluta novità sul territorio nazionale e costituirà il primo ‘forno romano per vetro’ funzionante in Italia. Al completamento dell’opera, realizzata da un gruppo di giovani ricercatori, si terrà un collaudo pubblico con la prima accensione e messa in uso della struttura, che resterà poi a disposizione per finalità didattiche, di ricerca e divulgative, insieme ad un breve documentario che darà conto di tutte le fasi di costruzione. A chiusura della sperimentazione verrà organizzato, in collaborazione con l’Università di Trieste, un seminario specialistico dedicato agli aspetti tecnologici della lavorazione vetraria antica, al quale prenderanno parte studiosi italiani e stranieri.

Inoltre, a prosecuzione della collana del ‘Corpus delle collezioni del vetro in Friuli Venezia Giulia’ curata dal Comitato Nazionale Italiano AIHV dal 2004, verrà stampato il volume dedicato al Civico Museo d’Antichità J.J. Winckelmann di Trieste, che analizza la complessa modalità di formazione di una collezione museale, specchio della vivace storia economica e culturale della città che la ospita. La collezione è costituita da materiali che, attraverso il mercato antiquario di fine ‘800, sono arrivati a Trieste da diverse regioni del Mediterraneo orientale antico, da una piccola raccolta di materiali aquileiesi e da reperti rinvenuti con gli scavi archeologici di fine ‘800 e inizio del secolo passato condotti a Trieste e nel territorio circostante, qui confluiti.

A seguire, nel rispetto della richiesta della Regione di prevedere iniziative legate al cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo da Vinci, si terrà a San Vito al Tagliamento una giornata di conversazioni su temi che legano il vetro a Leonardo, anche in questo caso con angolazioni diverse che spaziano dagli aspetti iconografici, alle tecniche di distillazione, al design.

Infine alcune conferenze e incontri pubblici di argomento vetrario si susseguiranno in diversi luoghi della regione insieme alla proiezione in anteprima del documentario sulla costruzione del forno, contribuendo ad accendere un più vasto interesse sul tema tra la fine dell’anno e marzo 2020.

Referenti per conto del Comitato Nazionale Italiano A.I.H.V.

Luciana Mandruzzato

vicepresidente@storiadelvetro.it

Marta Moretti

pubblicazioni@storiadelvetro.it

Con il Contributo di